Menu Chiudi

Cos’è Radici Mobili

GERMOGLI…

Radici Mobili è nato nel 2016, quando ho deciso di creare un orto sinergico su un carrello appendice, per trainarlo con l’automobile e portarlo in giro nelle scuole, nelle piazze, nelle fiere, ovunque ci fosserro persone, in particolare bambini, interessate ad avvicinarsi al mondo della cultura contadina che si apre all’innovazione.

Oltre all’orto portavo anche la chitarra, storie da raccontare e piccoli laboratori da proporre ai più piccoli.

Da questo progetto sono venute fuori esperienze così belle, divertenti e profonde, che ho comincioato a pensare quanto fossero utili e interessanti, queste attività, da un punto di vista pedagogico e culturale.

…FIORI…

Nel 2017 ho pubblicato il mio primo racconto, Il Viaggio di una Nuvola, che ho subito legato ad un progetto di lettura nelle Scuole Primarie, abbinando la lettura con la narrazione orale, la scrittura creativa dei bambini e la condivisione delle emozioni (clicca qui per conoscere il progetto).

Nello stesso anno mi sono trasferito dall’Abruzzo alla Romagna e l’orto è venuto con me: trecento chilometri sulla SS16 del tutto avventurosi, in cui l’orto, nella sua bellezza, destava la curiosità e la meraviglia di chi lo guardava; è stato un momento particolare e intenso, che mi ha spinto a delle riflessioni. Mi allontanavo dal territorio in cui ero nato e cresciuto, ma non mi distaccavo dalle mie radici, che fisicamente portavo con me, su un carrello appendice, dietro la macchina, insieme agli scatoloni.

Ognuno di noi, infatti, pensa che sia impossibile “spostare” le proprie radici, con tradizioni, culture, storie; eppure, per quanto importanti, esse non sono che una parte del nostro bagaglio di esperienze. Le nostre radici hanno anche bisogno di crescere verso direzioni inesplorate, superare i confini della nostra zona di confort e andare oltre, proprio come fanno le radici delle piante: crescono per viaggiare, alla ricerca di nutrimento, alla ricerca di vita, attraverso uno scambio perpetuo. Anch’io crescevo e spostavo le mie radici più in là, scambiando curiosità con meraviglia.

Da qui è nata l’idea di Radici Mobili come un progetto artistico e pedagogico, che ha l’obiettivo di ripensare e rinnovare la prassi educativa per renderla inclusiva, partecipata e creativa, ma anche pratica ed emotiva.

…FRUTTI…

Dal 2018 porto progetti didattici nelle scuole, dalla primaria ai licei, in comunità e servizi educativi, fattorie didattiche, associazioni culturali e famiglie private, muovendomi tra Emilia Romagna, Umbria, Marche e Abruzzo e coinvolgendo migliaia di bambini e tantissimi adulti.

Nel 2021 Radici Mobili ha creato una collana editoriale legata alla pedagogia creativa che ha portato alla pubblicazione di romanzi, poemi e saggi (clicca qui per saperne di più), creando un ponte tra comunicazione artistica e didattica. L’arte, infatti, è un veicolo didattico potentissimo, che ci da infiniti spunti per imparare a rendere la nostra stessa vita un’opera d’arte!

In questi anni Radici Mobili ha evoluto sempre di più la pratica laboratoriale, creando un metodo di progettazione pratico ed efficace, descritto nel libro Laboratori Didattici: come progettarli e strumenti operativi per realizzarli.

L’idea di base si fonda su tre principi costitutivi: l’intelligenza intuitiva come aspetto privilegiato di apprendimento, la comunicazione empatica come aspetto privilegiato di relazione, il laboratorio didattico come metodologia privilegiata di insegnamento.

…NUOVI SEMI

La voglia di andare avanti è tanta, per continuare a realizzare spettacoli, progetti e laboratori, ma anche per creare e offrire percorsi formativi a chiunque voglia conoscere più a fondo il mondo magico delle attività laboratoriali, in cui il docente scende dal palcoscenico e da leader si trasforma in guida, mentre gli allievi smettono di essere pubblico e diventano i protagonisti del loro apprendimento.