Menu Chiudi

‘l Desiderar vano

Del “canto” come forma poetica adoro la sua natura, tra la poesia e il racconto. È una melodia che ha la voce per strumento e le parole come note, in cui il ritmo è la cosa più importante, ciò che tiene tutto insieme, esattamente come la musica rap.
Al contrario della musica rap o hip hop, però, il canto si regge da solo, senza basi o suoni elettronici, senza scenografia, senza videoclip, senza niente. L’unica cosa che utilizza è una struttura metrica ben precisa, l’ottava, cioè un insieme di otto versi che si susseguono in questo modo: a, b, a, b, a, b, c, c (sei versi in rima alternata e le ultime due baciate).

Le origini di questo libro sono da ricondurre al lockdown del 2020, quando, invece di spararmi film e serie TV a raffica, mi sono messo a leggere l’Orlando Furioso di Ludovico Ariosto e la Gerusalemme Liberata di Torquato Tasso.

Ricordo benissimo che all’inizio non capivo niente, era come se leggessi in un’altra lingua, poi, man mano che prendevo il ritmo, i versi si facevano sempre più chiari e scorrevoli.

Fu così che scoprii la magia del cantare in ottave. Ricordo che andavo a fare la spesa recitando versi, letti o inventati che fossero.

Nel tempo ho incominciato a scriverli, quei versi, e pian piano un’ottava tirava l’altra e da semplici incroci di rime incominciarono ad uscire contenuti e messaggi.

Il poema racconta della storia d’amore tra Madre Natura e la Specie Umana, che iniziò con i migliori auspici. La Natura? Infatti, ebbe grande fiducia nell’Uomo, donandogli prima l’intelletto, poi il linguaggio. Grazie a questi doni l’uomo fece incredibili scoperte, come il dialogo, l’empatia, la fantasia, creando meraviglie e rendendo fiera la sua amata. Ma l@uomo ebbe anche desiderio di potere, che lo lo portò a sfidare la sua amata, la Natura stessa, con gravi conseguenze per lui, fino all’inaspettato finale…

Con questo lavoro mi sono reso conto della grande eredità artistica e culturale che ci hanno lasciato i maestri cantori del Rinascimento, una ricchezza che deve essere tutelata e divulgata.