Menu Chiudi

Breve favola: Il signore che cercava l’entusiasmo (leggi la favola)

Un signore era stufo della sua solita vita, perché tutto lo annoiava, così decise di mettersi in viaggio per trovare l’entusiasmo.

Viaggiò per molti chilometri, per mari e per monti, per valli e per città, ma niente attirava la sua attenzione in maniera così forte da fargli trovare l’entusiasmo.

Finché un giorno incontrò, ai bordi di un bosco, una tenda da campeggio e nella tenda  viveva un bambino. La cosa lo incuriosì non poco: come faceva un bambino a vivere da solo in una tenda? Quindi glielo chiese:

“Bambino, come fai a vivere da solo in questo posto, per di più in una tenda?”

“Non saprei” rispose il bambino, “Ho tante cose da fare ogni giorno che non me lo sono mai chiesto. E lei dov’è diretto invece?”

“Sono in cerca dell’entusiasmo, per questo motivo mi sono messo in viaggio tanto tempo fa e ancora continuo a cercarlo”, spiegò il signore.

“Ahh! Adesso ho capito perché le sembra strano vedere un bambino che vive da solo in una tenda: lei non sa cos’è l’entusiasmo! Ma adesso glielo spiego io: se le indico davanti a lei, ad esempio, cosa vede?”

“Davanti dove?” chiese il signore.

“Proprio lì davanti a lei” continuò il bambino.

“Vedo il prossimo posto in cui andrò a cercare l’entusiasmo”  concluse il signore.

“E non lo troverà” disse il bambino, “perché non si può trovare quello che già si possiede. È l’entusiasmo, infatti, che la fa continuare ad andare avanti, così come l’entusiasmo mi permette di vivere in una tenda. Vede caro signore, spesso crediamo di non avere delle qualità, quando invece per averle basta semplicemente crederci. Non le sembra un’assurdità?”

Il signore ci pensò su, fu d’accordo con il bambino e smise di cercare l’entusiasmo, perché si rese conto di averlo sempre avuto con sé senza saperlo. Quindi concluse il suo viaggio e utilizzò il resto della giornata per chiacchierare con il saggio bambino su quanto fosse divertente vivere in tenda.

Leggi anche: Viaggio: il sogno dell’ultima notte di campeggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *